PANIAR

Home » Catalogo Prodotti » Piante & Fiori » PIANTE & FIORI » KIT MOLISE
Domenica, 25 Giu 2017

Oltre 1000 Prodotti in Stock!

PDFStampa

KIT MOLISE
COD: KP55
Prezzo: €46.38
€40.38
Risparmi: €6.00 (iva inclusa)


HAI BISOGNO DI MAGGIORI INFORMAZIONI SU QUESTO PRODOTTO? CLICCA QUI E CHIEDI ALL'ESPERTO




 

Un kit dai sapori variegati comprensivo di tutto il necessario per preparare le classiche ricette della cucina molisana con ortaggi coltivati con le vostre mani.
C’è qualcosa di più entusiasmante?

Il kit comprende:

- nn. 10 bustine di semi assortite:

- Carota San Valerio;

- Prezzemolo comune 2;

- Erba cipollina;

- Zucchino alberello di Sarzana sel. corda;

- Pomodoro Petomek;

- Cicoria variegata di Lusia;

- Cicoria selavtica da campo;

- Sedano verde d’elne;

- Finocchio castelbianco;

- Peperone quadrato rosso d’Asti;
- lt. 70 (= kg 20 circa) di terriccio per coltivazione (Substrato);
- kg. 1 Concime universale “Nutriente Totale” VEBI;
- n. 1 confezione Insetticida “Decis Jet” BAYER;
- n. 1 paia guanti da giardinaggio;
- scheda tecnica di utilizzo prodotti.

MOLISE: UNA TAVOLA RICCA.

Gli abitanti del Molise anche oggi davanti all'omogeneizzazione dei consumi e dei costumi sanno difendere le più antiche tradizioni culinarie conservando con orgoglio le ricette dei secoli più lontani, apprezzando i sapori, gli aromi e le fragranze di tempi lontani.
Sono sapori decisi, aromi vivi. La cucina dei molisani ha i suoi punti di forza nella semplicità delle preparazioni e nella genuinità degli ingredienti: ma il repertorio non manca di congiunzioni inconsuete e di soluzioni interessanti. La polenta è presente in tutto il territorio perché la fortuna della pasta non affievolisce la perenne attualità della polenta, cibo quasi esclusivo presso le popolazioni povere della valle del Po agli estremi contrafforti appenninici.
Come nel vicino Abruzzo, gli ovini signoreggiano tra i piatti di carne (oltre a offrire la possibilità di ottimi formaggi). Un piatto straordinario e tipico della società pastorale sono i «torcinelli», involtini fatti con le budella dell'agnello farcite con fegato, animelle e uova sode; con la stessa materia prima si fanno le "annodate di trippa", dove il budello riempito di verdure e lardo è invece bollito, con risultati che gli esperti considerano eccellenti.
Ma ricordiamo anche gli spiedini di coniglio che sono arricchiti di salsicce, fette di prosciutto e foglie di salvia e il capretto che viene cotto alla brace avvolto in spesse fette di lardo. Assolutamente originale è la «pamparella», pancetta di maiale seccata con abbondante peperoncino, tipica di San Martino in Pensilis: si fa rinvenire in vino bianco (o rosso) e, tagliata a pezzetti, si mette sul sugo per insaporirlo.
Tutti i cibi di questa terra, e in particolare le carni, vengono cucinati con grande attenzione per conservare ed esaltare i sapori originari e pertanto un posto di riguardo spetta, nell'attrezzeria dei cuochi molisani, alla tiana, tegame di terracotta in cui tutto può essere cotto con la certezza che nessun aroma vada perduto.
Molto simile a quella abruzzese, la gastronomia molisana le è rivale nella coltivazione e preparazione degli ortaggi. Peperoni e broccoli, sedani e finocchi sono spesso causa di autentiche faide paesane, tenaci lotte di campanile.
Sulla costa, che ha dimensioni minime, vive un'importante tradizione di gastronomia marinara: qui come in Abruzzo è in uso un insolito modo di conservare il pesce, lo scapece: una marinata che si conserva in piccoli mastelli di legno, in cui è conservato il pesce senza lische, tagliato a pezzi e fritto.
E infine i dolci, un ambito molto significativo perché permette l'incontro con tradizioni diverse, legate alla storia del territorio e alle ricorrenze religiose o familiari, ma mette anche in risalto le diverse influenze che hanno lasciato traccia nel corso dei secoli. In pratica ogni paese ha una sua specialità, che va scoperta viaggiando e curiosando nei panifici, nelle pasticcerie e nei ricordi delle famiglie.

Vi segnaliamo alcune ricette tipiche regionali da poter realizzare con il nostro kit:

VITELLO FARCITO
Ingredienti per 4 persone: gr. 700 di vitello (spinacino o punta), gr. 200 di polpa di vitello tritata, 1 patata, 1 carota, gr. 80 di fagiolini, gr. 100 di piselli, prezzemolo, 2 uova, 1 cipolla, burro, vino bianco secco, brodo, sale e pepe.

Fate lessare la patata con la buccia, tagliate la carota a cubetti e lessatela con i fagiolini e i piselli. Sbucciate la patata, passetela allo schiacciapatate raccogliendo il purè in una terrina, unitevi la carota e i fagiolini tagliati a tocchetti, i piselli, la carne tritata, il prezzemolo tritato, un uovo, sale e pepe. Fate rassodare l'uovo rimasto, poi sgusciatelo. Aiutandovi con un coltello ben affilato, praticate un'incisione all'interno della carne in modo da formare una tasca. Introducetevi metà del ripieno, poi l'uovo sodo e completate con la farcia rimasta. Cucite l'apertura della carne con rete da cucina; quindi fate rosolare la tasca in una casseruola con 30 - 40 g. di burro e la cipolla tritata. Salate e pepate la carne, spruzzatela con un po’ di vino che farete evaporare, poi unite un paio di mestoli di brodo. Coprite la casseruola e continuate la cottura a fuoco moderato per un'ora

FETTINE DI VITELLO ALLA CONTADINA
Per 6 persone: 6 fettine di vitello di gr. 130 cadauna, gr. 70 pancetta, gr. 100 burro, gr. 500 zucchina, gr. 100 parmigiano reggiano grattugiato, cipolla, salsa di pomodoro, farina, olio, sale e pepe.

Affettate la cipolla e rosolatela nell'olio e in metà burro, aggiungete la pancetta a dadini e le zucchine tagliate a rondelle, salate e pepate. Aggiungete il pomodoro e cuocete il tutto per una decina di minuti. Infarinate le fettine di vitello, fatele rosolare a parte nel burro rimasto e salatele. Coprite le fettine con il sugo di zucchine, spolverizzate con il formaggio e passate al forno ben caldo per alcuni minuti.

INSALATA MISTA
Ingredienti: gr. 125 di radicchio di Chioggia, di cicoria e di cicorino, carota, olio, sale e aceto.

Lavate in acqua corrente il radicchio, la cicoria, il cicorino; sbucciate e lavate due carote, quindi grattugiatele a julienne e unitele alle altre verdure. Condite e servite.

BISCOTTI ALLA CAROTA
300g. di farina, 100g. di zucchero, 250g. di margarina, 1 uovo, 100g. di carota lessata e passata al setaccio.

Dopo aver amalgamato tutti gli ingredienti, lasciate riposare la pasta in frigo per due ore; stendetela e con le formine, ricavatene i biscotti. Mettete a cuocere nel forno preriscaldato a 200°.

 

L'immagine (Salumi) ha solo scopo illustrativo dei prodotti tipici della regione e non rappresenta il prodotto che verrà inviato.

 

L' indisponibilità momentanea di taluni ortaggi contenuti nel kit può comportarne la sostituzione con altri della stessa varietà.





 




 



Continuando a utilizzare questo sito si acconsente all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per saperne di più sulla nostra politica sui cookie