PANIAR

Home » Catalogo Prodotti » Piante & Fiori » PIANTE & FIORI » KIT INVERNO
Domenica, 25 Giu 2017

Oltre 1000 Prodotti in Stock!

PDFStampa

KIT INVERNO
COD: KP21
Prezzo: €46.38
€40.00
Risparmi: €6.38 (iva inclusa)


HAI BISOGNO DI MAGGIORI INFORMAZIONI SU QUESTO PRODOTTO? CLICCA QUI E CHIEDI ALL'ESPERTO




 

Un kit variegato e colorato comprensivo di tutto il necessario per preparare gustose ricette invernali con ortaggi coltivati con le vostre mani.
C’è qualcosa di più rilassante?

Il kit comprende:

- nn. 10 bustine di semi assortite:

- Finocchio;

- Cavolfiore;

- Cavolo verza;

- Spinacio;

- Carota;

- Prezzemolo;

- Rucola;

- Ravanello;

- Carciofo;

- Cicoria catalogna;
- lt. 70 (= kg 20 circa) di terriccio per coltivazione (Substrato);
- kg. 1 Concime universale “Nutriente Totale” VEBI;
- n. 1 confezione Insetticida “Vebiphos 7,5” BAYER;
- n. 1 paia guanti da giardinaggio;
- scheda tecnica di utilizzo prodotti.

ORTAGGI INVERNALI
Gli ortaggi forniscono principalmente vitamine e sali minerali. Ricchi di cellulosa (sostanza per noi indigeribile) aumentano il volume delle feci stimolando il naturale funzionamento dell'intestino.
Come consumarli:
Quando è possibile bisognerebbe consumare gli ortaggi ben lavati e crudi perchè vitamine e sali minerali vengono persi facilmente durante la cottura. Ecco alcuni consigli per limitare i danni:
-gli ortaggi a foglia devono essere cotti in pochissima acqua, meglio ancora al vapore, e per pochissimo tempo; si raccomanda di immergere le verdure quando l'acqua è già bollente; l'acqua residua ricca di sali minerali e vitamine potrà essere utilizzata per preparare risotti, condimenti e salse
- tuberi e legumi al contrario devono essere sempre ben cotti altrimenti sono poco digeribili
- le patate vanno lessate con la buccia ed in acqua non salata
- le cipolle e l'aglio vanno cotti a lungo dopo averli tagliuzzati finemente
- broccoli, broccoletti e cavolfiori, invece, vanno cotti per poco tempo, sempre in poca acqua, perché le sostanze solforate in essi contenuti si decompongono alterandone il sapore
Sono da preferire le pentole di acciaio inossidabile perché durante la cottura gli acidi organici contenuti nei vegetali possono reagire con metalli tipo il rame e l'alluminio dando luogo a odori o sapori sgradevoli.

VERDURE INVERNALI: GENERALITA'
Anche se per molte piante l'inverno è un momento di riposo vegetativo, non è detto che l'orto rimanga vuoto durante i mesi freddi; infatti a molte verdure giova un poco di gelo, che ne migliora le qualità organolettiche e spesso anche il sapore. Non tutte le verdure però possono sopravvivere al freddo, quelle che più comunemente vengono coltivate durante i mesi invernali sono verdure ottenute da piante abbastanza rustiche, spesso autoctone; alcune verdure invece trovano posto nell'orto durante l'autunno, e verranno raccolte soltanto in primavera.
I finocchi
In effetti i finocchi si sviluppano per tutto l'arco dell'anno; le piante utilizzate per produrre seme o fogliame per uso fitoterapico vengono coltivate come biennali, in genere nelle zone con inverni non eccessivamente freddi ed estati non eccessivamente asciutte. Nell'orto di famiglia i finocchi trovano più facilmente posto in autunno ed inverno; si semina direttamente a dimora, in estate, e quando le piantine sono alte almeno 4-7 cm si diradano, in modo da lasciare uno spazio di almeno 20-25 cm tra ognuna.
Le annaffiature non sono un problema, visto che il clima autunnale ed invernale in genere è sufficientemente umido; del finocchio si consuma il grumolo basale, ovvero la fitta rosetta allungata creata dall'estremità inferiore delle foglie, bianca e carnosa; per permettere al grumolo di gonfiarsi e divenire croccante e succoso, è consigliabile interrarlo non appena comincia a svilupparsi; per questo motivo è bene mantenere ben distanti le file di finocchi, in modo da poter periodicamente avvicinare il terreno al grumolo, per tenerlo al buio.
Broccoli e cavoli
Esistono varietà di verza, broccoli e cavolfiori per ogni stagione dell'anno praticamente; un tempo le verza si consumavano soltanto in inverno, preziosa fonte di vitamine e fibre, quando non era così diffusa la pratica di coltivare gli ortaggi in serra o di trasportarli da ovunque nel mondo.
Broccoli, verze, cavoli cappucci, cavolfiori e rape sono varietà e specie dello stesso genere: la brassica. Per ottenere la verdura in inverno è necessario porla a dimora in estate inoltrata o a inizio autunno; si utilizzano piantine già ben sviluppate e radicate, da porre a dimora in file ben distanziate, a seconda delle dimensioni finali della palla che si forma tra le foglie:è importantissimo che i cespi di brassica non si tocchino tra loro mentre si sviluppano, per evitare lo sviluppo di marciumi o anche la crescita malformata dell'ortaggio.
C'è chi dice che a cavoli cappucci e verza qualche notte di gelo doni un sapore migliore, provare per credere; in effetti l'esposizione prolungata al gelo molto intenso causa in alcune varietà il rovinarsi delle foglie più esterne del cespo, che verrebbero comunque scartate.
Queste verdure vengono coltivate dall'uomo da millenni, per questo motivo ne esistono svariate centinaia di varietà; quando a inizio autunno poniamo a dimora la brassica da noi preferita, assicuriamoci che si tratti di una varietà a sviluppo invernale, perchè non tutte le varietà si giovano del freddo, anzi, talune temono anche le gelate più leggere.
Spinaci e altre verdure
In buona parte della penisola durante l'inverno si coltivano molte verdure da foglia nell'orto, insalate, radicchi, spinaci, bietole; anche nel centro nord buona parte di queste verdure possono trovare posto nell'orto anche in autunno e nelle prime settimane invernali, con un clima non eccessivamente fresco e ben umido. Il clima autunnale ed invernale ci permette di dare a queste piante poche cure: la gran parte degli insetti e dei funghi che più spesso attaccano le verdure dell'orto temono il freddo e quindi non sono presenti in questo periodo; inoltre l'umidità ambientale è spesso tale da permetterci di non preoccuparci delle annaffiature.
Per quanto riguarda i radicchi, alcune varietà vengono appositamente poste a dimora in tarda estate o in autunno: lo sviluppo durante i mesi freddi da a queste verdure un sapore molto più accentuato e produce cespi più compatti, carnosi e colorati.

 

VERDURE TIPICAMENTE INVERNALI:
Broccoli,  Carciofi, Carote, Cavolfiore, Cicorie, Cime di rapa, Finocchi, Lattughe, Prezzemolo, Radicchi, Rape, Ravanelli, Rucola, Spinaci, Verze.

L’immagine (Finocchio) ha solo scopo illustrativo di un ortaggio tipico del periodo invernale e non rappresenta il prodotto che verrà inviato.

 

L' indisponibilità momentanea di taluni ortaggi contenuti nel kit può comportarne la sostituzione con altri della stessa varietà.





 




 



Continuando a utilizzare questo sito si acconsente all'utilizzo dei cookie. Clicca qui per saperne di più sulla nostra politica sui cookie